Drifting

Drifting

Questa disciplina di pesca è sicuramente la più complessa e la più importante dove il pescatore e il suo team devono mettere in atto tutta la loro esperienza e abilità. Nel nostro mare si può praticare durante quasi tutto l’anno, negli ultimi anni la presenza dei tonni sembra essere costante con periodi con maggiore attività, come fine LUGLIO, AGOSTO e SETTEMBRE e periodi dove sono più maliziosi e più profondi, da OTTOBRE a GIUGNO. Si utilizza per l’innesco la sardina freschissima, il sugherello, lo sgombro e l’alaccia.

L’azione di pesca viene effettuata ancorati o a scarroccio con un massimo di 4 CANNE pescanti contemporaneamente e l’uso di un pasturatore. Prima di iniziare viene effettuata una scia di pastura con sardine sia intere che a pezzi, creando così una lunga strisciata che se intercettata dai Tonni, viene seguita e risalendola, porta i nostri pelagici fino alle nostre esche dando così inizio al combattimento.

Verrà effettuato sempre il RILASCIO in modo che una volta combattuto e portato sottobordo, il tonno venga delicatamente slamato, ossigenato e rilasciato in libertà; questo fa si che, quando possibile, si possano effettuare più strike durante lo svolgimento della battuta di pesca. In questa specialità la barca necessita di un’ AUTORIZZAZIONE DI PESCA SPORTIVA AL TONNO ROSSO, quindi nel caso in cui l’uscita di pesca si effettua durante il periodo di “ apertura del TONO ROSSO “ si potrà prelevare un solo esemplare a barca al giorno, dichiarando la cattura alla locale Capitaneria di Porto. Le esche e le sardine per la pastura sono comprese nell’uscita.